Post

Post in evidenza

La Settimana Santa 2020 raccontata in 3 immagini

Immagine
È passata. Nell'attesa della Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo la Settimana Santa 2020, per quanto attiene al Rito ed alla pietà popolare, si può ritenere conclusa.È stata dura, davvero dura per tutti noi.  Ma se volessimo sintetizzare questa Settimana Santa quale immagini potrebbero aiutarci?  Nessuno scatto, nessuna foto. Per sdrammatizzare possiamo affermare che la "categoria" più colpita è stata quella dei fotografi e dei fotoreporter. Ed allora? Girando sul web mi sono imbattuto in 3 foto/immagini che secondo me riescono a racchiudere in sé il senso e quello che ha rappresentato per noi la Settimana Santa al tempo del coronavirus.
La prima è questa. Il confratello dell'Addolorata che pone nella mano della Vergine Addolorata il fazzoletto. È il fazzoletto, come ha sottolineato don Emanuele Ferro, padre spirituale della confraternita dell'Addolorata, con cui Maria asciuga le nostre lacrime. Perché ci rivolgiamo a Lei? Perché Lei è la Mamma e la Mamma è conf…

Giovedì Santo a casa

Immagine
Da qui a poche ore il Pendio sarebbe dovuto essere così. Pieno di gente, pieno di fedeli. Invece sarà vuoto, un deserto di anime, un deserto di cuori. È un brutto momento. Credo di non essere l'unico a soffrire così maledettamente per questo "sacrifico" che ci è stato imposto. Eravamo preparati. Lo sapevamo. Ma immaginavamo un po' tutti di reagire. Di "sopportare" e superare. Ma così non è stato. La voglia di scendere di casa nonostante il divieto e dirigersi a San Domenico per trovare la Mamma Addolorata è davvero tanta. Ma forse il desiderio si spinge anche oltre. Il desiderio di vederLa uscire, di vederLa su quel Pendio. Vedere il suo manto ed i suoi capelli mossi dal vento. Ammirare il suo volto e capire quanto enorme è il Suo dolore. Dobbiamo accontentarci di vederLa in televisione. E vederLa così ci farà stare peggio.  La speranza è quella che tutto possa passare quanto prima e il nostro primo pensiero, quando riacquisteremo la libertà, sarà certamente quel…

È comunque Settimana Santa

Immagine
Da qui a poche ore il Pendio sarebbe dovuto essere così. Pieno di gente, pieno di fedeli. Invece sarà vuoto, un deserto di anime, un deserto di cuori. È un brutto momento. Credo di non essere l'unico a soffrire così maledettamente per questo "sacrifico" che ci è stato imposto. Eravamo preparati. Lo sapevamo. Ma immaginavamo un po' tutti di reagire. Di "sopportare" e superare. Ma così non è stato. La voglia di scendere di casa nonostante il divieto e dirigersi a San Domenico per trovare la Mamma Addolorata è davvero tanta. Ma forse il desiderio si spinge anche oltre. Il desiderio di vederLa uscire, di vederLa su quel Pendio. Vedere il suo manto ed i suoi capelli mossi dal vento. Ammirare il suo volto e capire quanto enorme è il Suo dolore. Dobbiamo accontentarci di vederLa in televisione. E vederLa così ci farà stare peggio.  La speranza è quella che tutto possa passare quanto prima e il nostro primo pensiero, quando riacquisteremo la libertà, sarà certamente quel…

Domenica delle Palme

Immagine
Sarebbe stato l'inizio dei nostri Riti!

Quinta domenica di Quaresima

Immagine
29 marzo 2020. Quinta domenica di Quaresima. Ma non è quella che avevo in mente. Non è quella che stavo aspettando con ansia. Non è quella che avrei pensato di vivere e per cui mi ero preparato.No! Non è proprio la Quinta domenica che avevo in mente ma che soprattutto mi portavo nel cuore! Quella che attendevo era una domenica unica, oserei definire straordinaria. Domenica fatta di immagini, suoni, ricordi, di fede e di devozione.
Di una valigia appoggiata sul letto in cui piegare e riporre l'abito. Di piedi nudi che nuovamente percepiscono il freddo del pavimento. Di bordoni stretti nelle mani e medaglieri che tintinnano. Di cappucci calati sul volto. Il suono della troccola e delle prime marce. Le prime nazzecate. E poi Lei, la nostra Mamma Addolorata intronizzata e posta sotto la Croce del Suo amato Figlio. L'adorazione alla Croce con le genuflessioni, "abbracci" e mazze incrociate ed il "degnati Signore di benedirci". 
La domanda di rito:"Cia fa quist&…

Ed ora?

Immagine
L'annuncio apparso sul sito ufficiale della Prefettura della Casa Pontificia è di quelli che non lascia dubbi. Poche semplici parole per dirci che quest'anno dovremo rinunciare ai Riti o per lo meno non con la partecipazione fisica del popolo. Cosa vuol dire? Vuol dire niente Pellegrinaggio, niente Processioni. Ma svolgere a "porte chiuse" le funzioni che caratterizzano il Triduo Pasquale. 
Una notizia attesa. La situazione non lo consente.  Ed ora? Come ho riferito nel mio ultimo post l'ultima volta che i tarantini dovettero rinunciare ai Riti della Settimana Santa fu durante il secondo conflitto bellico. "E così i tarantini in quegli anni si affidarono ai ricordi, cercavano di rivedere nella memoria, come in un film di una volta, le immagini delle tradizioni del Giovedì e del Venerdì Santo!" Queste sono le parole con cui Nicola Caputo descrive quel momento. Dovettero rinunciare a tutto per l'intero periodo bellico. Non avevano supporti tecnologici che p…

Invito alla preghiera

Immagine
Pubblico il post del nostro Arcivescovo, mons. Filippo Santoro, in cui ci invita a raccoglierci in preghiera in questo difficile momento. 


 "Cari fratelli e sorelle,  tutto quello che stiamo vivendo in questi giorni costituisce una prova nuova e difficilissima. Non ci dobbiamo perdere d’animo e, soprattutto, dobbiamo pregare. All’unisono, dalla nostra comunità, deve levarsi una supplica unanime, come quella degli apostoli in mezzo al mare in tempesta: «Signore, salvaci» (Mt. 8,24). Preghiamo per le vittime del virus, per quanti sono stati contagiati e stanno lottando. Preghiamo per il Paese. Preghiamo per tutta la società tarantina. Affidiamo a Dio le istituzioni e tutti gli operatori sanitari che si stanno spendendo senza risparmiare energie per proteggerci da una calamità così inaspettata e inedita; la nostra preghiera per loro è il nostro “grazie” più bello, più vero. Preghiamo perché la pandemia si esaurisca. Ciascuno deve fare la propria parte perché il virus non si estenda ulteriorm…